Assicurazioni auto

Massimali RC Auto Obbligatori e Consigliati

Massimali RC Auto
Massimali RC Auto

Quando si ha un’auto, si sa che per circolare è obbligatorio essere in possesso di una polizza RC auto.
Quando la si sottoscrive, occorre però valutare attentamente due voci: l’eventuale presenza di franchigie e scoperti, che sono costi extra che restano a carico dell’assicurato quando denuncia un sinistro e il cui importo dipende dalle condizioni che ogni compagnia stabilisce, e i massimali, che sono invece definiti per legge.

Il massimale è il limite massimo indennizzabile a seguito di sinistro dichiarato dall’assicurato.

La differenza viene invece corrisposta dall’assicurato che ha causato il sinistro – cui si aggiunge, l’anno successivo, anche l’aumento del premio assicurativo secondo il sistema Bonus-Malus per il peggioramento della classe di rischio.

Da sapere che, quando si stipula un’assicurazione RC auto, è possibile chiedere un aumento del massimale oltre la soglia del limite di legge: il costo dell’assicurazione in tal caso aumenta ma si ha una maggiore tutela, soprattutto per sinistri molto gravi con danni alle persone che possono capitare e che possono richiedere risarcimenti onerosi di milioni di euro.

Dall’11 giugno 2012, come regolamentato dal Codice delle Assicurazioni, ogni 5 anni i massimali previsti per legge vengono aumentati: l’ultimo incremento è dell’11 giugno 2022 valido fino al 2027.

Ad oggi pertanto nel 2024, quando si scrive questo articolo, i massimali per le RC auto sono:

  • 6.450.000 € per danni alle persone, indipendentemente dal numero delle persone lese
  • 1.300.000 € per danni alle cose, indipendentemente dal numero delle persone lese

Allo scadere di ogni quinquennio, l’adeguamento dei massimali per legge è automatico, ma non comporta alcun aumento del costo della polizza: è un’azione voluta per tutelare sempre e maggiormente gli automobilisti.

Da ricordare infine che il tipo di danni che la RC auto copre sono definiti per legge: per le cose, sono comprese auto in sosta e gli oggetti di pubblica utilità, mentre i danni alla persona comprendono i conducenti non responsabili di sinistri, i passeggeri e i pedoni. Importante non dimenticare un altro aspetto: la RC auto non interviene mai a risarcire il conducente, anche se assicurato, per danni riscontrati a lui stesso dopo un incidente da lui stesso provocato.
Per proteggersi da infortuni che possono capitare a chi guida se provoca un sinistro, è necessario stipulare una polizza infortuni conducente, che su assaperlo.com , si può scegliere in forma nominale o legata alla targa del veicolo e che può essere acquistata indipendente dalla RC auto sottoscritta

Related posts
Assicurazioni auto

Come Trasferire l’Assicurazione da un’Auto all’Altra

Tra le esigenze che prima o poi capitano a un proprietario di un’auto, c’è la necessità di…
Read more
Assicurazioni auto

Cos’è lo Scoperto nelle Assicurazioni RC Auto

Nei contratti assicurativi di tipo RC auto, tra le varie clausole, non è infrequente trovare sia la…
Read more
Assicurazioni auto

Costi Riparazione Auto Sempre Più Elevati: Come Risparmiare

Crescono anche i costi di riparazione delle auto, nuove ed usate: secondo una ricerca commissionata…
Read more

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Come possiamo aiutarti?