Assicurazioni professionali

Superbonus 110%: La Tua Polizza di Assicurazione Include la Responsabilità Solidale?

Polizza di Assicurazione Superbonus 110% e Responsabilità Solidale
Polizza di Assicurazione Superbonus 110% e Responsabilità Solidale

È tempo di Superbonus 110%, l’importante maxiagevolazione del governo italiano che mira a far ripartire un settore così strategico come l’edilizia e il suo indotto.

Per poter accedere correttamente a questo supersconto fiscale, è necessaria una serie diversificata di competenze tecniche e professionali, che non è pensabile un solo professionista possa avere.

Le professionalità richieste spaziano infatti da quelle nell’ambito prettamente tecnico edilizio a quelle in ambito finanziario e giuridico tributario.

La complessità della normativa esige che niente possa essere lasciato al caso.

La detrazione del 110% contenuta nel decreto Rilancio non è solo un’opportunità per i possessori di immobili e i condomini;è anche una sfida per molte categorie professionali chiamate ad agire con scrupolosità e in modo interconnesso.

Per come è impostata questa strategica maxiagevolazione, tra tutte le figure professionali, sicuramente la parte del leone viene svolta da chi è in possesso di competenze di natura tecnica nell’ambito dei lavori edilizi.

Sono infatti i tecnici edili i principali protagonisti di questa manovra: da loro dipende sia la possibilità di accedere correttamente al Superbonus che l’opportunità di avere, come nazione, rivalorizzato il vetusto patrimonio italiano.

I professionisti in questione sono i tecnici abilitati al rilascio delle asseverazioni ai fini degli interventi di efficientamento energetico, nonché coloro che sono in possesso dei titoli necessari per svolgere le attività di progettazione, anche strutturale, di direzione lavori, del collaudo delle strutture, della statica degli edifici etc.

A queste figure professionali vanno necessariamente aggiunte quelle relative alle imprese, che dovranno effettuare gli interventi attentamente individuati e coordinati nel corso delle singole operazioni.

Come è noto a tutti, la legge prevede l’obbligatorietà per il tecnico asseveratore del Superbonus di dotarsi di una polizza RC professionale, a tutela dei danni contro terzi che involontariamente il suo lavoro potrebbe arrecare.

Essendo una manovra che anche solo tecnicamente coinvolge, come abbiamo detto, più attori ed esige la necessità di un lavoro di squadra articolato, è di estrema importanza che, prima di stipulare la propria polizza, il tecnico si accerti che in ciò che sta per sottoscrivere, sia inserita la garanzia della responsabilità solidale.

Vediamo di chiarire di cosa si tratta.
La Responsabilità Solidale è trattata nell’art. 2055 del Codice Civile che così recita:
Se il fatto dannoso è imputabile a più persone, tutte sono obbligate al risarcimento in solido del danno.
Colui che ha risarcito il danno ha regresso contro ciascuno degli altri, nella misura determinata dalla gravità della rispettiva colpa e dall’entità delle conseguenze che ne sono derivate
”.

Tradotto in parole povere, se un fatto dannoso è imputabile a più soggetti, tutti sono obbligati in solido al risarcimento del danno.

In un ambito come quello edile, nella costruzione/ristrutturazione di un manufatto architettonico, sono diverse le professionalità che vengono coinvolte sulla base delle loro competenze e specifiche responsabilità, collegate l’uno con l’altra dal vincolo di solidarietà.

Facciamo un esempio.

Un condominio deve essere ristrutturato: viene richiesto l’intervento di un architetto come asseveratore, dell’impresa che svolgerà il lavoro, di un geologo per la caratterizzazione del suolo sottostante alla costruzione.
Terminata l’opera, emergono alcuni vizi.
Si apre quindi un provvedimento volto ad accertare la responsabilità di questi danni, a carico dell’architetto e delle altre figure professionali che hanno collaborato con lui.
Viene accertato che il danno sia stata generato dall’impresa e dal geologo, che tuttavia non hanno le sufficienti risorse economiche necessarie per poter ripagare quanto contestato.
Il Giudice, in tal caso, condanna l’architetto, anche se con responsabilità minima e/o residuale del danno, a risarcire per intero il valore dei vizi riscontrati.

Scatta in questo modo, il principio della responsabilità solidale: nei lavori che comportano una connessione professionale con altri esperti, anche se la colpa principale del danno verificatosi non è del soggetto che è stato chiamato in giudizio insieme agli altri che hanno preso parte al lavoro con la loro professionalità, questo è obbligato a pagare di tasca propria, contribuendo insieme agli altri colleghi o sostituendosi ad essi, qualora non ne fossero in grado economicamente, al pagamento delle somme stabilite.

Sinistri di questo tipo sono purtroppo in crescita nel settore edile; in una manovra come il Superbonus che richiede un concerto di professionisti, i rischi sono ancora più alti.

Come tutelarsi? La risposta è una sola: avendo cura di sottoscrivere una polizza di RC professionale che preveda la garanzia per la responsabilità solidale.
In questo caso, l’assicurazione risponde pagando l’intero importo e tenendo completamente indenne l’assicurato, e non per la sola quota di responsabilità.

Se la polizza scelta NON prevede la garanzia della responsabilità solidale, il professionista NON potrà beneficiare di alcun indennizzo da parte della compagnia e sarà costretto a prendere i soldi direttamente dal suo patrimonio personale.
Consigliamo quindi vivamente al tecnico edile di non sottovalutare questo importantissimo aspetto nella scelta della propria polizza in generale e soprattutto se sa, con essa, di dover accedere anche ai lavori del Superbonus 110%.

Diciture di soluzioni assicurative così riportate e che sono molto diffuse sul mercato: “l’assicurazione vale esclusivamente per la personale responsabilità dell’Assicurato. In caso di responsabilità solidale dell’Assicurato con altri soggetti, gli Assicuratori risponderanno soltanto per la quota di pertinenza dell’Assicurato stesso”, NON coprono dal rischio della responsabilità solidale.

Soluzioni assicurative complete in tutte le loro parti e che permettono di far dormire sonni tranquilli al professionista tecnico, sono le formule LLOYD’S di Assigeco srl, noto intermediario assicurativo da oltre 40 anni sul mercato riconosciuto come lo specialista delle RC professionali.

Oltre ad essere conformi pienamente al comma 14 art.119 DL 34/2020 per lavori che accedono al Superbonus 110%, le formule di Assigeco contemplano la completa tutela anche dal rischio della responsabilità solidale così indicato: …in caso di responsabilità solidale dell’Assicurato con altri soggetti, gli Assicuratori risponderanno di tutto quanto dovuto dall’Assicurato, fermo il diritto di regresso nei confronti di altri terzi responsabili.

Ad oggi sono oltre 50.000 i tecnici edili che hanno scelto le soluzioni di tutela professionale di Assigeco che sono disponibili per ingegneri, architetti liberi professionisti, geometri e periti, società di architettura e ingegneria.
Le formule proposte da Assigeco e sottoscrivibili comodamente con un solo clic, spaziano dalla All risks con possibilità di emissione appendice SPECIFICA per lavori Superbonus, che le due soluzioni Stand Alone per lavori che accedono alla maxiagevolazione con Postuma alla sottoscrizione del contratto che alla fine dei lavori.

Per avere dei consigli su come scegliere con serenità la propria polizza RC professionale per lavori che accedono al Superbonus, invitiamo a scaricare gratuitamente la guida progettata a questo fine .

You Might Also Like

2 Comments

  1. 1

    tutto bello,ma non risolve il problema nel caso di soceta’furbe, che si accaparrano i lavori,li eseguono in qualche modo, fra qualche anno quando i controlli si faranno vivi(e sicuramente circa 5 anni dopo la fine del decreto), queste soceta’ saranno oltre oceano e il classico sig. Rossi si vedra’ addebitare tutto il superbonus. Non credo la soceta’ assicurativa si fara’ carico della spesa!!!!

    • 2

      Buongiorno, con la clausola della responsabilità solidale prevista nelle polizze LLOYD’S offerte da Assigeco,entro il massimale definito in cui il professionista risulta assicurato , viene coperto anche da una situazione come lei indica.Gli assicuratori non possono rispondere solo se ci sono importi oltre il massimale previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *