AssicurazioniAssicurazioni salute

Perché Sottoscrivere una Polizza Infortuni

Polizza Infortuni: Perché Sottoscriverla - Blog Assaperlo
Polizza Infortuni: Perché Sottoscriverla - Blog Assaperlo

La propensione a valutare la sottoscrizione di una polizza Infortuni in Italia è tendenzialmente bassa: questo succede in quanto da un lato la cultura assicurativa del Belpaese è improntata maggiormente a pensare che difficilmente gli imprevisti e gli infortuni possano capitare e dall’altro perché si ha un’idea confusa di quanto possa poi essere l’aiuto da parte dello Stato quando ci si trova in una reale situazione di difficoltà.

In realtà, il welfare statale non riesce a garantire alcun sostentamento alla persona che si trovasse improvvisamente invalida a seguito di un infortunio: per il 2021 ad esempio, la pensione per invalidità 100% che lo Stato può corrispondere è di soli 286,81 € al mese per 13 mensilità e sempreché il richiedente abbia un reddito inferiore a 16.982,49 euro.

La cifra che lo Stato si può permettere di corrispondere è quindi troppo bassa e non permette né di garantirsi le cure adeguate, né tantomeno di ritornare al tenore di vita precedente alla condizione di infortunio.

Il rischio di infortunarsi magari gravemente pone un freno immediato alla propria vita lavorativa e al proprio reddito ed è una condizione alla quale vanno incontro con altrettanti rischi, sia i dipendenti di aziende private o pubbliche che, a maggior ragione, tutti i liberi professionisti.

Se è vero che per chi lavora alle dipendenze di un’azienda o di un ente, nel caso di infortuni sul lavoro le prestazioni statali sono un po’ più elevate, in quanto legate ai contributi versati, per chi ha iniziato a lavorare da poco sono in realtà molto basse. La copertura INPS per infortuni decorre solo dopo 5 anni dal versamento dei contributi.

Va detto che nessun indennizzo INAIL viene comunque corrisposto per invalidità inferiore al 6%, situazione che si può comunque verificare a seguito di un colpo di frusta al collo durante un incidente o di una rottura, ad esempio, di un braccio. Statisticamente, rientra in questo caso circa un terzo di tutti gli infortuni.

In queste situazioni la persona danneggiata non ha diritto ad alcun indennizzo INAIL, ad eccezione della diaria, erogata a partire dal quarto giorno di infortunio e calcolata in percentuale rispetto alla normale busta paga: una cifra che comunque non copre né l’acquisto di farmaci né tantomeno la necessità di cure fisioterapiche.

Con un’invalidità dal 6% al 16% escluso , l’INAIL versa non una pensione, bensì un capitale una tantum, il cui importo dipende dall’entità del danno e dall’età dell’infortunato, secondo una tabella Inail.
Qualsiasi sia il danno, comunque, una volta percepita la somma dovuta, l’INAIL non versa altro in aggiunta.
Solo per chi subisce invece un infortunio che causi un’invalidità dal 16% in poi, fino al 100%, l’INAIL eroga una rendita per tutta la vita, come una sorta di vera e propria pensione.
In questo specifico caso di infortunio all’interno di questo range di percentuali, la rendita viene calcolata sulla componente biologica ( ossia la lesione dell’integrità psico fisica legata alla vita di relazione) che dipende dalla percentuale di invalidità e da quella patrimoniale (  cioè il reddito percepito fino al momento dell’accertamento dell’invalidità).
La componente biologica è misurata da una scala di valori che va da 1.161 euro l’anno netti, per un danno del 16%, fino a 16.550, se l’invalidità è del 100%.
Questa scala di valori non dipende dall’età, ma solo dal grado di invalidità che viene definito dal medico legale.
Anche per la componente patrimoniale è prevista una forbice ristretta compresa tra 14.600 e 27.200 euro.
Se il reddito è all’interno di questo range, si considera quanto percepito dall’interessato.
L’importo va moltiplicato per un coefficiente di menomazione stabilito sempre da una tabella Inail in relazione alla percentuale di invalidità.
Con la somma delle due componenti , si ottiene l’importo della pensione Inail.

Date queste spiegazioni, in questa tabella mettiamo a confronto un riassunto del il tipo di copertura offerto da un’assicurazione privata, dall’Inail e dall’INPS quando si verifica un infortunio.

 ASSICURAZIONE PRIVATA INFORTUNIINAILINPS
CAUSA INFORTUNIOInterviene per qualsiasi tipo di infortunioInterviene esclusivamente per infortuni sul lavoroInterviene per qualsiasi tipo di infortunio
INDENNIZZO PREVISTO PER INVALIDITA’ PERMANENTE GRAVECapitale o capitale +rendita vitaliziaRendita soggetta a revisione periodicaAssegno rinnovabile ogni 3 anni o pensione di invalidità
DA QUANDO INIZIA LA COPERTURAImmediatamente al verificarsi dell’eventoImmediatamente al verificarsi dell’eventoSolo dopo 5 anni di contributi
FRANCHIGIA a carico del clienteA libera scelta dell’assicurato, anche in base alla tipologia di polizza scelta che può prevedere anche un azzeramento.5% per invalidità tra il 6% e il 15%74% per l’assegno di invalidità, 99% per la pensione di invalidità
MODALITA’ DI CALCOLO DELL’INDENNIZZOSulla base del tipo di invalidità permanenteReddito convenzionale ridotto sulla base dell’invaliditàpensione di vecchiaia maturata al momento dell’infortunio
LIMITAZIONE DEL CUMULO REDDITONessunaNessunariduzione in presenza di altri redditi
SOSTEGNO ECONOMICO PER INVALIDITA’ TEMPORANEADiaria per i giorni di ricovero ed eventuale ingessaturaDiaria dal 4° al 90° giorno di ricovero, poi decrescenteNessun sostegno economico previsto in questo caso
RIMBORSO PER SPESE MEDICHE SOSTENUTEFino al massimale che si inserisce nell’assicurazioneNon è previsto alcun rimborsoNon è previsto alcun rimborso

Guardando questo confronto, si evince che l’unica soluzione per garantirsi le cure più adeguate e il recupero del proprio tenore di vita anche in caso di infortuni o addirittura di invalidità permanente è solo l’assicurazione privata , che tra gli altri vantaggi interviene a risarcire subito di quanto necessario a chi si è infortunato provvedendo anche al rimborso delle spese mediche.

Su assaperlo.com, il primo digital network di assicurazioni e servizi, sono disponibili differenti formule di assicurazioni infortuni e invalidità permanente, per venire incontro alle diverse esigenze dei professionisti e dei privati con un solo click.

La formula di polizza per infortuni per qualsiasi attività svolta, in promozione con lo sconto del 10% con il codice primavera10, permette di tutelarsi dagli infortuni professionali e non, per qualsiasi lavoro svolto, e può essere sottoscritta da chiunque che eserciti una qualsiasi professione. Copre anche gli infortuni dell’assicurato come conducente di auto e moto.

L’assicurazione per infortuni e invalidità permanente di malattia può invece essere personalizzata a seconda della professione e si possono scegliere massimali e franchigie diverse e può essere limitata anche solo al rischio professionale.
Su assaperlo.com è disponibile anche la soluzione di polizza contro gli infortuni formula Flat, valida per tutte le professioni e con un costo conveniente ma una franchigia fissa del 30% per qualsiasi tipo di infortunio si verifichi.

Related posts
AssicurazioniAssicurazioni casa

Cosa Bisogna Sapere Prima di Acquistare una Casa

La casa è il sogno di ogni italiano, ma arrivare a comprarla non è mai un passo né semplice né…
Read more
AssicurazioniAssicurazioni auto

Esenzione Bollo Auto: A Chi Spetta?

Sono momenti di difficoltà questi per le famiglie italiane. Non solo per l’emergenza sanitaria…
Read more
AssicurazioniAssicurazioni auto

Incidente con Auto non Assicurata: Spetta il Risarcimento?

Chi circola con un’auto non assicurata, se provoca un incidente non ha diritto ad alcun…
Read more

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Come possiamo aiutarti?
WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux